Paura, eh?!

urlo-munchCi sono diverse notizie riguardanti gli ebook su cui riflettere, in questi giorni. Cominciamo da una lodevole iniziativa da parte dell’editrice torinese Zandegù, la campagna fotografica “Non aver paura dell’ebook!”. Fa piacere vedere una giovane casa editrice presentare progetti come questi, di cui secondo me c’è grande bisogno, almeno in Italia, dove ancora c’è una certa paura davanti al libro elettronico. Ma perché questi timori? La causa va individuata in diversi fattori. Continua a leggere

Corsia di destra

CorsiaDXimgHo visto cose, nella corsia di destra, che voi pedoni non potreste nemmeno immaginare…

Vecchi, malati, invalidi. E poi suore vestite da pinguini anche con quaranta all’ombra, ma anche quelli con le supercar, Ferrari, Porsche. Loro non hanno bisogno di correre per dimostrare che stanno su un altro livello. Continua a leggere

L’importante è che non ti fermi

confucioFZ“Non importa quanto vai piano, l’importante è che non ti fermi”. Così disse nientemeno che Confucio. Ripenso a questa frase ogni volta che il demone mi assale e si lamenta della lentezza con cui procedo nelle mie attività.

Guarda, demone, stai calmo, ok? È vero, vado piano piano ma un minimo tutti i giorni, che sia una parola, una frase, una pagina, lo scrivo. Stephen King, alla domanda “come si fa a scrivere un romanzo di mille pagine” rispose: Una parola alla volta.

Il problema è che lui mediamente scrive duemila parole al giorno, io venti, ma vabbè… Continua a leggere